Firmato accordo sulla sostenibilità economica dei call center “outbound”

Siglato il 24/3/2020, tra ASSOTELECOMUNICAZIONI-ASSTEL e la SLC-CGIL, la FISTEL-CISL, la UILCOM UIL, l’accordo di modifica ed integrazione dell’Accordo collettivo per la disciplina delle collaborazioni nelle attività di vendita di beni e servizi e di recupero crediti realizzati attraverso call center “outbound”, stipulato con riferimento al CCNL TLC.

Premesso che il 31/7/2017 è stato sottoscritto un Accordo per la disciplina delle collaborazione nelle attività di vendita di beni e servizi realizzati attraverso call center “outbound” stipulato con riferimento al CCNL TLC.
Il Testo Unico, prevede, a far data dall’1/4/2020, il pagamento al 100% del compenso orario di un lavoratore al 2° livello del CCNL TLC.
Le parti, tenuto conto delle attuali condizioni di mercato e delle necessità di salvaguardare la sostenibilità economica complessiva di tali attività concordano di rinviare la decorrenza della progressione economica, prevista per il 1/4/2020 al 31/7/2020.
In ragione di quanto precede le parti si impegnano entro il medesimo termine del 31/7/2020 ad individuare in una specifica intesa, una definizione univoca in relazione sia all’ambito di applicazione e sia alle modalità di conteggio delle ore di effettiva prestazione. Ciò anche al fine di evitare fenomeni di dumping e garantire la sostenibilità economica per le aziende e i collaboratori.
Le parti convengono che laddove, entro il 31/7/2020 non venga individuata una soluzione condivisa, a decorrere dall’1/8/2020 avrà corso il suddetto incremento.