Detenuti che svolgono attività lavorativa nell’Istituto penitenziario e NASpI


Si forniscono precisazioni sull’erogabilità della prestazione di disoccupazione NASpI per i detenuti impegnati in attività di lavoro presso l’Istituto penitenziario ove si trova ristretto.


Negli Istituti penitenziari devono essere favorite la destinazione dei detenuti e degli internati al lavoro e la loro partecipazione a corsi di formazione professionale e che il lavoro penitenziario non ha carattere afflittivo ed è remunerato. La durata delle prestazioni lavorative non può superare i limiti stabiliti dalle leggi vigenti in materia di lavoro e sono garantiti il riposo festivo, il riposo annuale retribuito e la tutela assicurativa e previdenziale.
Relativamente ai diritti dei detenuti che svolgono attività lavorativa alle dipendenze dell’Istituto penitenziario, la giurisprudenza ha affermato che, l’attività lavorativa svolta dal detenuto all’interno dell’Istituto penitenziario ed allo stesso assegnata dalla Direzione del carcere non è equiparabile alle prestazioni di lavoro svolte al di fuori dell’ambito carcerario e, comunque, alle dipendenze di datori di lavoro diversi dall’Amministrazione penitenziaria; tale attività ha caratteri del tutto peculiari per la sua precipua funzione rieducativa e di reinserimento sociale e per tale motivo prevede la predisposizione di graduatoria per l’ammissione al lavoro ed è soggetta a turni di rotazione ed avvicendamento che non possono essere assimilati a periodi di licenziamento che, in quanto tali, danno diritto all’indennità di disoccupazione.
Orbene, ai soggetti detenuti in Istituti penitenziari, che svolgano attività lavorativa retribuita all’interno della struttura ed alle dipendenze della stessa, non può essere riconosciuta la prestazione di disoccupazione in occasione dei periodi di inattività in cui essi vengano a trovarsi.
Diversamente, gli stessi hanno diritto all’indennità di disoccupazione da licenziamento nel caso in cui il rapporto di lavoro si sia svolto con datori di lavoro diversi dall’Amministrazione penitenziaria.
I medesimi detenuti che già godevano del diritto all’indennità di disoccupazione prima che iniziasse lo stato di detenzione, continuano ad averne diritto anche durante il periodo di detenzione, salvi i casi di revoca giudiziale della prestazione.